Archivi tag: solanacee

Solanacee

sono una ampia famiglia di vegetali (angiosperme) che comprende molte specie commestibili ed altre velenose. Le piu’ usate in cucina sono le melanzane, il peperone, i pomodori e le patate, e voglio indicare  anche le bacche di Goji che non si usano per cucinare, ma anche loro contengono solanina, mi sembra giusto fare attenzione a questo frutto che va cosi di moda per le sue proprieta’.

L’importante e’usarle con attenzione. Il controllo della maturazione e’ fondamentale. I pomodori quando sono verdi contengono un alta percentuale di solanina che non viene distrutta neanche con la cottura, in compenso il pomodoro ben maturo non ne contiene quasi piu. Ai bambini che passano dal latte materno alle prime verdure e’ assolutamente vietato l’uso di questi vegetali fin dopo il primo anno di vita. Fortunatamente i bambini non sono attratti dal sapore della melanzana e dei peperoni, ma le patate e i pomodori e’ facile che possano essere messe nei brodini o nei passati verdure, mi raccomando non lo fate.

La solanina e’ composta da alcaloidi tossici, che sono presenti in alcuni punti del frutto e della pianta per proteggerli dagli insetti, dai funghi, dai batteri e dagli animali erbivori. La solanina agisce  come un antiparassita naturale.

Altre piante che contengono solanina, sono la Belladonna, la Mandragola e la Datura, lo stramonio, la petunia, ginseng indiano, gelsomino, alcune usate come pericolosi allucinogeni.

Dosi elevate di solanina possono causare forti dolori addominali e  disordini neurologici, come nausea, diarrea, vomito, crampi allo stomaco, bruciore alla gola, mal di testa e vertigini.

 

 

 

Consigli:

 

  • Il pomodoro contiene scarsa quantita’ rispetto alle altre verdure, ma fai attenzione che sia maturo, cioe’ rosso, e puoi mangiarlo tranquillamente anche crudo. La moda di usare pomodori verdi, molto verdi, per friggerli o per fare marmellate e’ estremamente nociva.
  • le patate, le melanzane e i peperoni, vanno cotti, molto bene, non devono essere mai “al dente” ma ”ben cotti”. Non devono avere germogli e tracce di colore verde, escluso i peperoni che sono verdi di natura, ma i peperoncini piccanti devono essere rossi e mai verdi.
  • stagionalita’, cioe’ non comprate mai le verdure che non sono di stagione, specialmente queste, perche’ costrette ad una maturazione forzata che genera un aumento di solanina.
  • Frutti ben maturi sempre, La grande distribuzione, necessita di tempi tecnici di alcuni giorni se non settimane per far arrivare il prodotto nel punto vendita, per questo spesso troviamo frutta e verdura ancora acerba. I frutti acerbi sono verdi e spesso duri al tatto. In generale ilcolore verde è indicatore della presenza di maggior quantità di solanina. Nel frutto maturo la solanina viene convertita in altre sostanze non tossiche.

 

 

 

 

 

Curiosita’:

 

Le melanzane

sono ben mature se quando le tagliamo non presentano aloni verdastri verso la superficie. La melanzana ha pochissime calorie ed è quindi un ottimo cibo saziante . Il nome melanzana deriva da “mela insana”, un nome probabilmente nato per mettere in guardia delle possibili reazioni che l’ortaggio poteva procurare.

Patate, attenzione al germoglio !

Mai, mai mangiare le foglie delle patate, nemmeno se siamo affamati e senza altre alternative. In tal caso, meglio mangiare le bucce purché mature e ben lavate. Le foglie, infatti, sono “piene” di solanina. Per lo stesso motivo mai mangiare patate verdi e, soprattutto, germogliate. Il germoglio, infatti, segnala l’avvio del processo di crescita della nuova pianta e, di conseguenza, anche della produzione di solanina.

 

tecniche dell’industria

alcuni produttori per evitare il fenomeno della germogliazione irradiano le patate con i raggi gamma. Tale trattamento produce una sorta di sterilizzazione e di conseguenza la patata diventa “morta”, pur sembrando “normale” e viva… La stessa tecnica viene usata, sempre per lo stesso motivo, per aglio e cipolla. Usiamo il piu possibile  verdure e frutta  biologiche .