Spinaci con topinambur in belga

DSCF0161

  • 1 kg di spinaci
  • 8 foglie di insalata belga
  • 100 gr di gorgonzola a piccoli pezzi
  • Topinambur
  • Semi di lino dorato
  • Sale qb

Lava gli spinaci, togli il gambo ed usa solo le foglie. Scottali in una padella con un pizzico di sale e 500 gr di acqua . Colali e mettili da parte .

Lava l’insalata e prendi 8 foglie e sistemale nel piatto di portata. Mescola gli spinaci (freddi) con il gorgonzola senza amalgamare ma lasciando i pezzetti di formaggio interi ed adagia il composto nelle foglie di belga. Cospargi di semi di lino (come se fosse sale) e affettaci molto fine il topinambur.

Pronto!

mammettatua! 😉

DSCF0167

Topinambur

 

Cos’è?

Il topinambur (Helianthus tuberosus), detto anche tartufo di canna, carciofo di Gerusalemme o patata del Canada, è una pianta appartenente alla grande famiglia delle compositae ed è spesso confusa col Girasole. I suoi fiori sono infatti di un giallo caldo acceso, ma più piccoli.

I topinambur che noi coltiviamo e che si consumano sono quindi i tuberi radicali, nodosi, con buccia rossastra, polpa bianca e di sapore simile al carciofo.

 

Come pulirlo:

Deve essere lavato con una spazzola sotto l’acqua corrente, e quando è cotto si può togliere la pellicina.

 

Come cucinarlo:

Io lo adoro crudo, lavato , tolta la pellicina, tagliato a fette fini fini e condito con olio sale e pepe. E’ molto buono anche cotto, frullato con carciofi o altre verdure per fare creme, contorni o sughetti appetitosi 😉

 

 

 

 

Esitono due diverse varietà di topinambur: quella bordeaux maggiormente diffusa, presente sul mercato da ottobre ad aprile circa e quella bianca precoce, presente sul mercato prima dell’altra, quindi da fine agosto.

 

 

Morfologia del topinambur

La pianta del topinambur è una pianta perenne, il cui organo di sopravvivenza è un tubero. I suoi lunghi, robusti ed eretti steli possono raggiungere un’estensione che va dagli 80 ai 150 cm. La fioritura è molto caratteristica e avviene a fine estate, con la comparsa di molti fiori giallo oro. I capolini di colore giallo acceso hanno un diametro che raggiunge i 9 cm. Terminata la fioritura la pianta si secca, ma in primavera dai tuberi nasceranno i nuovi getti.

Le foglie hanno forme diverse mano a mano che ci si sposta dalla radice alla punta: gli inferiori infatti sono cuoriformi, le superiori ovate, acuminate e seghettate.

I fiori si trovano sulla cima e come già detto sono gialli. Il topinambur è una pianta erbacea, perenne, che resiste molto bene al freddo. Alcune varietà sono selvatiche ed infestanti, si possono vedere ai bordi delle strade e vicino a rigoli d’acqua. Originaria dell’America settentrionale, è diffusamente coltivata anche in Europa a scopo ornamentale e alimentare.

 

Composizione nutrizionale del topinambur

Il topinambur è costituito principalmente da:

  • Acqua (80%);
  • Glucidi (15% – 20%);
  • Protidi (2%);
  • Vitamina A, indispensabile per il meccanismo della visione e per la differenziazione cellulare; di conseguenza è necessaria per la crescita, la riproduzione e l’integrità dei sistema immunitario;
  • Vitamine del gruppo B. Queste vitamine sono indicate negli stati di debilitazione generale, secondaria a varie malattie, stress psico-fisici intensi, anoressia, anemia, alcolismo, obesità, patologie neurologiche varie, periodi post-operatori;
  • Ferro;
  • Potassio;
  • Magnesio;
  • Fosforo;
  • Ferro;
  • Asparagina, un aminoacido necessario nel metabolismo dell’alcol;
  • Arginino, un aminoacido molto diffuso in natura che partecipa ad importanti funzioni nel metabolismo cellulare. È un immunostimolatore, aiuta le ferite a rimarginarsi, rigenera il tessuto del fegato;
  • Colina, che protegge le cellule contro i danni da ossidazione e svolge un’azione protettiva contro le patologie cardiovascolari.

Riso e Verza

Cinesizzante 🙂

DSCF0136

Per 4 persone:

  • 500 gr di cavolo verza  sminuzzato
  • 200 gr di cipolla tagliata a fettine
  • 150 gr di pancetta  tagliata  a quadratini
  •  400 gr di riso tahibonnet
  • 2 uova
  • Sale qb
  • Olio EVO qb

 

 

Fai cuocere il riso ,freddalo e mettilo da parte.

Cuoci le uova “mimosa” e mettile da parte

Fai imbiondire la cipolla in una padellina. Quando comincia a soffriggere aggiungi il vino bianco e fai evaporare. Aggiungi la pancetta e “tostala” con la cipolla. Aggiungi il cavolo sala e cuoci fino a che diventa morbido.

A questo punto mentre il tutto è ancora sul fuoco aggiungi il riso, saltalo bene con il resto del condimento e all’ultimo aggiungi la “mimosa”.

Pronto!

DSCF0120

 

 

 

 

 

Menù settimanale 2

Un altro piccolo consiglio per gestire la spesa e poterci organizzare  durante la settimana. Da alternare al Menù “1” che ho già pubblicato. 🙂

  • Lunedi
  • 500 ml di acqua con 1 limone spremuto.
  • Colazione: quello che siete abituati
  • Ore 10/11 bicchierone di acqua
  • Pranzo: Minestrone di riso e spinaci  – insalata mista  con dadolata di provola dolce e speck
  • Ore17:bicchierone di acqua
  • Cena: 1 frutto-Pizza al radicchio trevisano e porri
  • Martedi
  • 500 ml di acqua con 1 limone spremuto.
  • Colazione: quello che siete abituati
  • Ore 10/11: bicchierone di acqua
  • Pranzo: 1 frutto. Spaghetti prosciutto cotto e salvia-insalata belga  “spadellata” con olio e aceto balsamico
  • Ore17:bicchierone di acqua
  • Cena: 1 frutto-seppie al ramerino con ceci lessati con alloro
  • Dopo cena: tisana

Mercoledì

  • 500 ml di acqua con 1      limone spremuto.

colazione Colazione: quello che siete abituati

  • ore 10/11 bicchierone di acqua
  • Venerdì
  • 500 ml di acqua con 1      limone spremuto.
  • Colazione: quello che siete abituati
  • ore 10/11: bicchierone di acqua
  • Pranzo:      1 frutto- frittata al poggio goloso- insalata mista di stagione
  • Ore17:bicchierone di acqua
  • Cena:      1 frutto- Bavette alle coste di bietola– involtini di p.cotto con dentro      patate lesse condite con maionese
  • Dopo cena: Tisana
  • Sabato
  • 500 ml di acqua con 1      limone spremuto.
  • Colazione: quello che siete abituati
  • ore 10/11: bicchierone di acqua
  • Pranzo: verdure saltate      in padella con mozzarella fusa (cuoci le verdure puoi fare anche delle      verdure lessate di stagione , poi le salti in padella con olio sale ed un      spruzzata di aceto, spengi la fiamma si “adagi” sopra la mozzarella e      copri per farla fondere.
  • Ore17:bicchierone di acqua
  • Cena:,      Risotto nella zucca- carpaccio di salmone su fette di arancia , pepe verde      ed un velo di olio extravergine di oliva
  • Dopo cena: Tisana

 

  • Domenica
  • 500 ml di acqua con 1      limone spremuto.
  • Colazione: quello che siete abituati

Pasta al finocchio

DSCF5727

“non butto via niente”!  Si proprio così! Non riesco a buttare niente dei prodotti alimentari… verdura… frutta… pesce…carne.

Oggi “riciclo” le coste esterne del finocchio .

Pulisci il finocchio, la parte interna, le foglie più bianche e tenere,  cucinale come meglio credi.

Usa le foglie esterne  ed il ciuffetto con il suo gambo che parte dal centro, la parte che di solito non usi.

Togli le impurità , taglia a fette la parte buona e procedi come di seguito …

Per 2 persone

  • 250 gr di foglie esterne di finocchio e il ciuffetto verde centrale
  • 1 peperoncino tagliato a fette fini
  • 1 rametto di ramerino
  • 1 pz di sale
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1 cucchiaio di agliolio olio extravergine di oliva qb

Metti  tutti gli ingredienti in una padella e cuoci a fiamma alta per 8  minuti, aggiungi 1 bicchiere di acqua e continua a cuocere per altri 8 minuti coperto. Togli il tappo, sala e cuoci ancora per 5 minuti.

Cola gli spaghetti al dente e finiscili di cuocere in questo sughetto, aggiungendo, se serve, l’acqua di cottura.

Alla fine una manciata di parmigiano reggiano..pronti!

mammatua! 😉

DSCF5698 DSCF5701 DSCF5710