Archivi tag: pesce

Calamari alla vodka

tn_IMG_2828

 

Per due persone

 

  • 500 gr di calamari
  • 1 pz di origano
  • Sale qb
  • Olio EVO
  • 1 bicchiere di vodka, circa 200 ml.
  • Peperoncino qb
  • 1 spicchio di aglio con la camicia, intaccato.

 

Pulisci I calamari. Togli la pelle, l’intestino, occhi e il becco in mezzo ai tentacoli. Sciacqua bene sotto l’acqua corrente.

Taglia a fette di circa 4 cm la sacca, e sminuzza i tentacoli.

In un tegame con 5 cucchiai di olio, fai rosolare a fiamma alta l’aglio e il peperoncino, aggiungi il calamaro e quando comincia a prendere colore, aggiungi il bicchiere di vodka e fai evaporare per 5 minuti a fiamma alta.

Aggiungi il sale e l’origano, abbassa la fiamma, copri con un tappo, e cuoci per circa 15 minuti.

Fai la prova con la forchetta, quando il calamaro e’ morbido, e’ pronto!

 

mammatua! :*

Chioccioline di mare

tn_013

o lumachine di mare

 

Per 6 persone

  • 1 kg di chioccioline di mare fresche
  • 1 spicchi di aglio
  • 300 gr di pomodori pelati in barattolo o 500 gr di pomodori ben maturi
  • 1 cucchiaio di agliolio
  • 50 gr di cipolla “bionda” sminuzzata
  • 2 cucchiai da minestra di prezzemolo
  • 1 cucchiaino da caffe di maggiorana
  • Peperoncino piccante qb
  • Olio EVO qb
  • Sale qb

Quando compri le chioccioline se non le cucini subito avvolgile strette strette in un “asciughino” bagnato e ben strizzato, dentro una zuppiera e poi in frigo. Prima di cucinarle mettile in un recipiente riempilo di acqua e con le mani “strofinale” una contro l’altra , poi mettile in un colino dentro l’acquaio e fai scorrere l’acqua sopra mentre ancora con le mani le “strofini” di nuovo una contro l’altra.

Adesso metti i le chioccioline in una pentola con 2 litri di acqua a temperatura ambiente e le fai  “sbollentare “ per 20 minuti con 1 spicchio di aglio ed un pz di sale.

In una pentola a sponde alte metti a cuocere i “pelati”  con l’olio il peperoncino l’agliolio la cipolla e il sale. Aggiungi il vino e fai evaporare. Adesso “coli” le chioccioline dall’acqua di cottura, e ancora calde le metti nel recipiente con la salsa, fai prendere il bollore , aggiungi il prezzemolo e la maggiorana e cuoci fuoco basso per 1 ora  e ½. Pronte!

Se te ne avanza un po’ sono buonissime anche per condire la pasta!

Mammettatua! 🙂

Triglie alla Livornese

tn_049

Per 4 persone:

  • 8 triglie di scoglio di circa 150 gr
  • 500 gr di pomodori maturi spellati o passata di pomodoro
  • 1 becca di aglio
  • Prezzemolo
  • Olio EVO
  • Sale

Togli per bene le squame alle triglie con una forchetta, lavale e mettile delicatamente  in un colino.

In una padella (controlla che  contenga tutte le triglie una vicina all’altra), metti a scaldare l’olio con lo spicchio di aglio e il peperoncino , aggiungi i pomodori spezzettati e il sale.

Fai cuocere per 20 minuti. Poi con una forchetta schiaccia i pomodori. Con un cucchiaio togli circa la metà della salsa, metti le triglie una accanto all’altra nella padella, versaci sopra il sugo che hai tolto e cuoci per 8 minuti con il “tappo”. Spengi la fiamma, togli il tappo, passa sopra le triglie una bella spolverata di prezzemolo sminuzzato, copri di nuovo, aspetta ancora tre minuti e..sono pronte!

 

 

Mammettatua ! 😉

Sgombri al tè verde

DSCF0798

Ingredienti

  • 2 cucchiai di olio dell’agliolio
  • ½ peperoncino
  • 1 bicchiere di tè verde
  • 8 Sgombri

Prepara il tè: metti nel bicchiere 1 cucchiaio di tè verde in acqua bollente, lascia a riposo per 10 minuti e poi togli le foglie di tè .

Pulisci gli sgombri. All’interno di ognuno di loro metti 1 rametto di ramerino e un pz di sale.

In una pentola metti l’olio dell’aglilio e fai scaldare, aggiungi i pesci adagiati uno vicino all’altro e il peperoncino, sala e alza la fiamma . Quando comincia a soffriggere l’olio, aggiungi il bicchiere di tè, abbassa la fiamma, copri la pentola con un tappo e cuoci per 4 minuti. Gira delicatamente i pesci, e cuoci ancora per 4 minuti sempre coperto e a fiamma bassa.

Pronti!

Il tè ammorbidisce il sapore “vivace” dello sgombro rendendo il piatto molto gustoso !

 

Se non consumi tutti gli sgombri li puoi affogare nel loro brodetto. Li spolpi, li adagi in una pirofila e li ricopri. Puoi  consumarli così oppure per preparare dei sughetti…(metti nella padella  1 cucchiaio di agliolio e 2 di olio EVO, qualche pomodorino maturo, ½ peperoncino….lessi la pasta e la fai saltare in questo sughetto … quando è pronta aggiungi la polpa di sgombro, salti ancora per 1 minuto ed è pronta)

DSCF0805

Sgombro

sgombri[1]

Lo sgombro,appartiene alla famiglia del pesce azzurro e dalle nostre parti, in Toscana viene inserito nella parte di pesce detto “povero”, infatti lo possiamo trovare a prezzi contenuti. Vive in branchi ed è diffuso in tutto il Mediterraneo, nel Mare del Nord e nell’Atlantico settentrionale. Caratterizzato da un dorso grigio-bluastro, che sfuma verso i fianchi fino ad incontrare il ventre bianco argenteo con striature verticali nere che arrivano all’altezza della linea laterale.

Con una lunghezza massima di 50 centimetri e una quasi impossibile prospettiva di vita di 17 anni, lo sgombro anni fa ha rischiato l’estinzione in alcuni tratti di mare per la  pesca incontrollata, poi fortunatamente sono state emanate leggi a regolamentarne la pesca e il numero degli individui è risalito.

 

Dal punto di vista nutrizionale lo sgombro è un alimento eccezionale. Come tutte le altre specie appartenenti alla famiglia del pesce azzurro, anche lo sgombro è particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi. Oltre a proteggere dalle malattie cardiovascolari, l’abbondante presenza di grassi “buoni” conferisce alle carni un sapore caratteristico, deciso e gustoso. Lo sgombro è anche ricco di proteine facilmente digeribili ed ha un apporto calorico modesto.

I nutrizionisti considerano lo sgombro una vera riserva di vitamine e un integratore proteico.

Lo sgombro fornisce circa 191 kcalorie per ogni 100 grammi di prodotto edibile, il che lo fa emergere da quanto fornito dagli altri pesci ed evidenzia quanto grasse siano le sue carni, ma attenzione che si tratta di grasso “buono” che combatte il colesterolo da un lato e rende il pesce più appetibile dall’altro.

Oltre agli omega 3, lo sgombro fornisce, sempre per 100 grammi di carne, 19 grammi di proteine.

Al mercato, quando acquistate uno sgombro, evitate quelli privi di testa in quanto, essendo la prima a deteriorarsi, rischiereste di prendere del pesce non freschissimo, inoltre valgono le solite raccomandazioni, carne soda, branchie rosso vivo e occhio vivace.

Lo sgombro, oltre ad essere disponibile fresco, è commercializzato anche in scatola, sott’olio e al naturale, ma anche surgelato.

Ragù di polpo

 

  • DSCF50891 kg di polpo di scoglio pulito (io lo congelo se lo compro fresco , cosi è più facile cucinarlo perché rimane più morbido)
  • 800 gr di polpa di pomodoro
  • 500 gr di cipolla pulita
  • 10 foglie di salvia
  • 100 gr di sedano fra foglie e coste
  • 2 spicchi di aglio
  •  ½ peperoncino
  • 2 foglie di alloro
  • 300 gr di acqua
  • 300 gr di vino rosso-
  • 150 gr di olio extravergine di oliva.

Cottura circa 2 ore Sminuzza il sedano la cipolla e l’aglio. Taglia a pezzi  il polpo. Metti tutti gli in gradienti  a cuocere a ”crudo” in una pentola . Di solito basta 1 ora e ½ , però questo dipende dal polpo, questa volta per esempio il polpo è cotto in circa 1 ora , per  non rischiare che cuocesse troppo e diventasse “gommoso” l’ho tolto dalla pentola e ho fatto ritirare ancora un po’ la salsa perché era rimasta un po’ “brodosina”.Togli le foglie di salvia e di alloro. Io taglio una parte del polpo con le forbici a pezzi piccoli e lascio qualche tentacolo intero oppure,  a secondo della grandezza lo divido in parti di circa 3-4 cm. E’ buonissima per condire la pasta ma anche per farcire fette di pane abbrustolito.

mammetta tua  🙂

mDSCF5035DSCF5052 DSCF5089DSCF5096

Pasta al gattuccio

DSCF4103

per 4 persone

  • 500 gr di pesce pulito e tagliato a pezzi
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine di  oliva
  • peperoncino piccante qb
  • sale qb
  • 4 foglie  di salvia
  • 200 gr di pomodori maturi puliti o pomodori pelati.

 

In una ciotolina taglia a pezzetti il pomodoro ed aggiungi un pz di sale.

Cuoci a fiamma bassa il pesce con l’aglio, l’olio, il peperoncino il sale e la salvia in una padella per 10 minuti. Spengi  il gas, togli il gattuccio e mettilo in un piatto, per non farlo cuocere troppo, e tienilo al caldo nel forno .

Gli altri ingredienti lasciali nella  padella e rimettila sul gas con 1 ramaiolo di acqua della pasta.

Scola la pasta e conserva l’acqua di cottura. Saltala nella padella e aggiungi se necessario altra acqua. Spengi  il gas ed aggiungi il pomodoro a pezzetti. Gira per bene la pasta, e quando e ben amalgamata aggiungi osa delicatamente il pesce sopra.

Pronta!! 🙂

mammatua!!

 

Il pomodoro aggiunge un piccolo sapore di acidità al sapore leggermente grasso del pesce e rende squisito il sapore finale.

DSCF4082 DSCF4089      DSCF4092                           DSCF4084  DSCF4096